English French Spanish German Italian Japanese

L’alluvione di Mumbai

Quattro giorni di piogge ininterrotte, iniziate il 26 luglio 2005, hanno causato una tremenda alluvione nello stato del Maharashtra. La capitale Mumbai è stata la città più colpita. In un solo giorno a Mumbai sono caduti 94,4 cm di pioggia, la più intensa pioggia mai caduta non solo in India ma nel mondo intero.

Le vittime sono state milioni. L’alluvione e le frane hanno trascinato via moltissime case e un migliaio di persone sono annegate. Decine di migliaia di persone sono rimaste intrappolate nei loro uffici per tre giorni. L’alluvione ha sommerso non solo vaste aree dello stato, ma ha paralizzato anche tutti i trasporti via terra, tagliando ogni rifornimento di cibo, acqua e aiuti sanitari. I medici dell’AIMS, accompagnati da 2 ambulanze completamente equipaggiate, hanno curato circa 50.000 pazienti e distribuito medicine per un totale di € 800.000.

Nella zona di Panvel, molti piccoli villaggi sono stati sommersi da oltre 3 metri d’acqua che hanno distrutto la maggior parte delle povere abitazioni. I volontari di ETW sono entrati in azione portando le opere di soccorso nella zona di Pavel, di Mumbai Navi, un’area molto colpita e in altre parti di Mumbai: Borivili, Badlapur, Dahisar e Goregaon. ETW ha distribuito ai gruppi tribali di Khidkupada, a Panvel, articoli necessari come materassi, lenzuola, fornelli e utensili da cucina, riso e generi alimentari.

I volontari hanno cucinato del cibo per le centinaia di rifugiati dei due alloggi temporanei di Ambedkar Nagar e Shirovane.

back to top